Epoca romana e Via Claudia Augusta

In epoca romana la Piana Rotaliana era attraversata dalla più importante via di comunicazione verso nord dell’impero romano: la Via Claudia Augusta. Fondata per favorire le campagne militari nelle Alpi nel 15 a.C., sotto l’impero di Augusto, fu poi ampliata dall’imperatore Claudio, da cui prende il nome.  Il suo tracciato andava da Altino, importante snodo commerciale sull’Adriatico (nei pressi di Venezia) e giungeva fino ad Augusta (Augsburg), in Germania, costeggiando il Piave e passando per la Valsugana, la Valle dell’Adige e il passo Resia.  In corrispondenza della Piana Rotaliana la Via Claudia scorreva sulla sponda sinistra dell’Adige, non sul fondovalle ma a mezza altezza sul versante delle catene montuose (alcuni resti furono infatti rinvenuti in prossimità di Pressano, sopra Lavis).
Nave San Felice era il punto in cui era possibile traghettare l’Adige e passare all’altra sponda: nell’abitato si trovava un posto di guardia, di cui sono testimoni i resti di una torre in pietra presumibilmente di epoca romano imperiale.  Più difficile è ricostruire il tracciato della via da Nave San Felice a Mezzocorona.  Qui sono stati ritrovati, presso il sito del Giontech (vedi più avanti), i resti di una significativa via di comunicazione lastricata.
La via Claudia assume un’importanza rilevante per l’impero perché diventa sempre più strumento di circolazione non solo di legionari, ma anche di merci, di persone e di idee.

Numerose sono le testimonianze archeologiche riferibili al periodo romano rinvenute in Piana Rotaliana. Sicuramente i siti di maggiore interesse sono quello del Giontech e quello di Drei Canè, entrambi a Mezzocorona.

 

Provincia Autonoma di Trento – Servizio beni Culturali – Ufficio beni Archeologici: Settemila anni di storia della Piana Rotaliana, Rovereto (Tn) 2002
Andrea Brugnara,  I luoghi dell’arte e della storia nel Comune di Lavis, Lavis, 2008

Invia una richiesta

di informazioni a

Epoca romana e Via Claudia Augusta