Canederli

Preparazione:

Preparare un buon brodo.

Tagliare, quindi, il pane secco a tocchetti e metterlo a bagno nel latte in una terrina.

In una padella far rosolare velocemente la mortadella, lo speck e la lucanica con la cipolla.

Unire il tutto in una ciotola capiente e aggiungere le uova, il prezzemolo e la noce moscata. Regolare di sale e pepe. Mescolare il tutto con le mani ed aggiungere il pangrattato, finché il composto non raggiunge una consistenza compatta ma non troppo dura. Formare, quindi, delle palle uniformi della grandezza desiderata.

Cuocere, infine, i canederli nel brodo precedentemente preparato e, una volta a galla, condire con Trentingrana grattugiato.

I canederli trentini si possono cuocere anche in abbondante acqua salata (scolarli con una schiumarola) e gustare conditi con burro fuso, salvia e Trentingrana oppure pomodoro o ragù di carne. In alternativa, possono essere serviti anche asciutti, come contorno di gulasch o crauti.